Crb Mode Dames Heren Japanse Houten Traditionele Kimono Geta Houten Sandalen Klompen

B076P45TLD
Crb Mode Dames Heren Japanse Houten Traditionele Kimono Geta Houten Sandalen Klompen
schoenen
Finn Comfort Watford Heren Oxfords Teak Panama
Carolbar Damesmode Elegantie Charmant Dualpurpose Dataplatform Hoge Dikke Hak Lange Jurk Laarzen Groen
8100 Melrose Suède String Glij Op Kurk Afgedekt Wigje Oranje
Adidas Originals Dames Superstar Gewaagd W Sneaker Wit / Zwart / Metallic Goud
Cafepress Us Marine Zeehonden zwarte Vlag Flip Flops Grappige String Sandalen Strand Sandalen Oranje
Harleydavidson Dames Berkner 525inch Zwarte Motorlaarzen D87132
  • Jordan Mens Air 6 Retro Cny Zwart / Metallic Goudmulti Zwart / Goud
  • Zachte Stijl Dames Daly Penny Loafer Navy Hagedis / Patent
  • Annie Schoenen Dames Levendige Jurk Sandaal Zachtgroen
  • Panthers Logo Ladys Antislip Canvas Schoenen Panthers Canvas Schoenen02
  • BOLLETTINO DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI VERONA

    BOLLETTINO DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI VERONA

    FOCUS

     E' uscito il  vol. 39(2015)  del Bollettino nelle due sezioni:  Prokeds Cheeth Jogger Sneakers Unisex Rood / Marine
    Dansko Dames Danae Hakken Sandaal Zwart Gemalen Nappa
    . Per la prima volta il Bollettino esce esclusivamente online in formato pdf scaricabile. E possibile scaricare i singoli articoli oppure l'intero volume.

    Il  Bollettino  del Museo civico di Storia Naturale di Verona prosegue la serie delle  Memorie , cessate con il 1972, a partire dal vol. 1 del 1974.

    La pubblicazione è  annuale  ed esce in serie unica fino al vol. 23 del 1999.

    • Bollettino del Museo civico di Storia Naturale di Verona ISSN=0392-0062

    Dal vol. 24 del 2000 il Bollettino si divide in due serie:

    • Botanica Zoologia ISSN=1590-8399
    • Geologia Paleontologia Preistoria ISSN=1590-8402 

    The  Bollettino  del Museo Civico di Storia Naturale di Verona continues the series of Memorie, ceased in 1972, starting from vol. 1 of 1974.

    This publication is  annual  and comes in a unique series up to vol. 23 of 1999.

    • Bollettino del Museo civico di Storia Naturale di Verona ISSN=0392-0062

    Starting from vol. 24(2000), the Bollettino is divided into two series:

    • Botanica Zoologia ISSN=1590-8399
    • Geologia Paleontologia Preistoria ISSN=1590-8402

    Lnews - Aquilone di Valdisotto/So) "Trent'anni fa terribili disastri e catastrofi naturali colpivano la Valtellina, causando 53 vittime, migliaia di sfollati e ingenti danni economici. Quei drammatici eventi sconvolsero profondamente il territorio e misero l'Italia di fronte alla tema del dissesto idrogeologico, che rappresenta una delle grandi sfide del Paese. La sua presenza signor presidente della Repubblica è, per noi tutti, un'importante testimonianza dell'impegno dello Stato e delle istituzioni tutte per il futuro di questo territorio e della montagna". Così Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia, intervenendo alla cerimonia di commemorazione per il Trentennale dell'alluvione in Valtellina, ad Aquilone di Valdisotto (Sondrio), alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella. Alla cerimonia hanno preso parte anche gli assessori regionali Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione) e Gianni Fava (Agricoltura) e il sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia con delega alle Politiche per la Montagna Ugo Parolo.

    IL DISSESTO IDROGEOLOGICO, UN'EMERGENZA DA AFFRONTARE - "Prevenzione, manutenzione e pianificazione sono le parole che ispirano e devono ispirare le politiche contro il dissesto idrogeologico, dal livello locale a quello nazionale - ha proseguito Maroni -. È fondamentale mettere in campo tutte le risorse e le competenze disponibili, affinché i nostri territori possano affrontare le conseguenze di eventi naturali catastrofici, potenzialmente sempre più frequenti a causa dei cambiamenti climatici".

    LA RICOSTRUZIONE DELLA VALTELLINA- "Con la Legge Valtellina, promulgata a seguito dei tragici eventi del 1987, lo Stato ha affidato a Regione Lombardia l'elaborazione del Piano per la difesa del suolo e il riassetto idrogeologico dei territori colpiti dalle calamità, con l'obiettivo di dare nuovo impulso allo sviluppo socio-economico del territorio, attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori locali: Comuni, Province e Comunità montane. Un'attenta gestione delle risorse statali complessivamente stanziate ha consentito di intervenire con efficacia e di realizzare economie destinate poi a grandi opere infrastrutturali in corso di